Victoria Herranz

La notte più lunga

 

25 anni

25 anni, e il mio mare e’ sempre li’,
che guarda, che scava, che lava.
La carne muore, il buio non ha volto.
Strade, pietre, memorie.
La Giustizia e’ morta. Tutto e’ vuoto.
Dentro, fuori, intorno.
Corpi e sangue.
Chi è Stato?
Lunga e’ la notte
della verità.

Tags

, ,

Related Posts

About the author

Victoria Herranz

@VictoriaHerranz

Fotógrafa (España, 1983). Trabaja como freelance para agencias internacionales. Sus fotografías han...

La notte più lunga

[ Simone Cappellani ]

 

La notte più lunga

19 luglio 2017. Venticinque anni dall’attentato al giudice Paolo Borsellino. 57 giorni dopo l’attentato contro il suo collega e amico Giovanni Falcone, entrambi istruttori del primo grande maxi processo contro la mafia della storia d’Italia. Entrambi assassinati per questo. Della morte di Giovanni Falcone e’ stato responsabile Toto’ Riina, storico capo di Cosa Nostra, latitante per tanto tempo, e attualmente imprigiona per scontare la pena dell’ergastolo ma che spera di ottenere gli arresti domiciliari in base ai principi dei diritti umani.

Invece, l’attentato al giudice Borsellino presenta molti interrogativi: chi furono davvero i responsabili ? dove e’ finita l’agenda rossa dove il giudice annotava tutti gli indizi e le memorie, anche dopo l’assassinio del suo amico Giovanni ? qual e’ la verita’? venticinque anni dopo un nuovo processo continua in un Aula Bunker in Ucciardone, a Palermo, blindata per proteggere i magistrati ma insufficiente per salvare Falcone e Borsellino. Nel frattempo il fratello del giudice, Salvatore, si impegna a mantenere viva la memoria del giudice Paolo recuperando i locali dell’antica farmacia di famiglia per accogliere tutti quelli interessati a conoscere la sua storia, e per togliere i bambini dalle strade della Kalsa dall’influenza della criminalita’ organizzata. Nel frattempo, anche, aspetta incessantemente verità e giustizia nella notte più lunga…

[ Victoria Herranz]

 
 

0 Comments

You can be the first one to leave a comment.

 
 

Leave a Comment